Catalogo Prodotti

TELESCOPI DOBSON: sono gli strumenti più pratici per chi si avvicina all’astronomia per la prima volta. Hanno una struttura semplice, ma ingegnosa. Sono composti fondamentalmente da due elementi: il primo è l’ottica, nella maggior parte dei casi Newton a tubo chiuso o a tralicci. Il secondo è la montatura, una scatola di legno (detta anche Rockerbox) che si piazza per terra e nella quale si infila il telescopio. Potetesubito cominciare l’osservazione e non dovete montare e regolare complicate montature. La ragione principale per cui sono stati realizzati i Dobson è la seguente: si voleva offrire una grande ottica ad un prezzo contenuto. Lo scopo è stato centrato. Fin dalla prima apparizione dei telescopi Dobson si è creata una vera e propria comunità di simpatizzanti, affezionati a questi strumenti ed alla loro fascinosa semplicità, tutti unito al motto "Grandi prestazioni a piccolo prezzo".

TELESCOPI MAKSUTOV: l'ideale per chi desiderate osservare la Luna o altri pianeti, ma che ama anche il paesaggio, gli alberi e magari fare bird-watching. I telescopi Maksutov hanno una versatilità universale, che potrete utilizzare in modo semplice e per quasi tutti i tipi di osservazione o di fotografia. Grazie alla loro struttura compatta,   possono essere facilmente trasportati in qualsiasi borsa. Un telescopio Maklsutov è il giusto telescopio se amate sia l'osservazione astronomica che quella naturalistica. Compagno ideale di viaggio quindi e strumento valido sia per le osservazioni astronomiche che come cannocchiale a specchi per le osservazioni terrestri.

TELESCOPI NEWTONIANI: sono i classici telescopi a specchio. Il principio è semplice, e perciò geniale: la luce entra dall'esterno nel tubo. In fondo, c'è uno specchio principale che riflette la luce. Il fuoco di questo specchio va a finire poco prima dell'imboccatura del tubo, dove si trova lo specchio secondario. Questo è uno specchio piano che devia il fascio di luce di 90 gradi riflettendola lateralmente. Lì sta il focheggiatore, nel quale si può mettere un oculare per l'osservazione. Per andare a fuoco si  varia la posizione focale dell'oculare, agendo sul focheggiatore.
Il vantaggio di questo sistema è che a causa della mancanza di un elemento di rifrazione - come è, ad esempio, una lente di vetro - non si ha nessuna aberrazione cromatica. Inoltre, nei riflettori newtoniani, il rapporto focale di apertura è relativamente variabile. Comunque va detto che un rifrattore della stessa apertura offre più luce e più contrasto di un riflettore.

TELESCOPI RIFRATTORI ACROMATICI: Questi telescopi sono i classici, molto diffusi, sistemi degli odierni telescopi a lenti. L'obiettivo di un acromatico non è composto da una sola lente, bensì da due, ovvero una lente in vetro Crown e una in vetro Flint, una positiva e una negativa. L'indice di rifrazione e la dispersioni delle due lenti sono differenti, così che si può ottenere come risultato che la maggior parte delle aberrazioni cromatiche sono eliminate. Ciononostante, può essere constatata una piccola residua aberrazione. Per evitare anche questa, ci si deve orientare verso strumenti apocromatici.

TELESCOPI SCHMIDT-CASSEGREIN: Telescopi molto popolari sono gli Schmidt-Cassegrain (SC).  Molti amatori si rivolgono a questo tipo di telescopi, dal momento che sono molto compatti, leggeri da trasportare e rapidi da montare. Essi presentano una lunghezza molto ridotta ma una elevata lunghezza focale. Uno specchio principale con un foro centrale rimanda indietro la luce in arrivo, riflettendola. La luce viene concentrata su uno specchio secondario, che a sua volta la rimanda indietro, e infine ripassa attraverso il foro centrale nel primario per raggiungere il focheggiatore. Gli Schmidt-Cassegrain hanno tubi chiusi. Pertanto questo tipo di telescopi reagisce alle variazioni di temperatura in modo non sensibile. Scopri nel nostro shop i telescopi Schmidt-Cassegrein, gli Schmidt-Cassegrein Edge Hd e gli Schimdt-Cassegrein Hd Aplanatici